R

Rientrato in tarda serata dalla gita fuori porta, mi fermo al solito Shinjuku per cena e muoio velocemente nel mio futon.
Praticamente son quasi alla fine del mio soggiorno giapponese e gli ultimi due quartieri che mi mancano da vedere (fra quelli pianificati) sono appunto Ikebukuro e Ginza.
Nella mattina faccio un salto a Yoyogi Park ed ad Harajuku per prendere gli ultimi regali (la sera avrei dovuto preparare la borsa per cui oggi era decisamente il giorno ideale) e mi dirigo verso nord ovest per andare in un altro quartiere decisamente rude.
Ikebukuro è diventato famoso per avere al suo interno uno dei centri commerciali più grandi del paese, Sunshine City.
La zona si caratterizza per essere un pò periferica rispetto alle altre e l’atmosfera è sicuramente diversa.
Stradine piccole, luci al neon, bambini ed anziani per strada, ed una tranquillità diversa da tutti gli altri posti che ho visto.
Mi dirigo verso il centro commerciale, un palazzo di 7 piani immenso. All’interno pure un museo degli anime, un planetario ed un acquario.
Questi posti ti fanno sempre capire quanto siano fuori di cervello i giappo!!!!
La scelta di questo quartiere poi è stata anche perchè è il corrispettivo femminile di Akihabara. Questa è la zona delle ragazze nerd amanti dei manga e anime. E anche qui ci sono 100000 negozi dedicati al porno femminile ed alle Cosplay (quelle che si vestono come i manga).
Ovviamente entro perché son troppo curioso di capire sta roba e scopro che praticamente il porno femminile è composto principalmente da fotografie di ragazzi con lineamenti femminili in pose sensuali e completamente vestiti (ho comprato un libretto ed è davvero assurdo)!!!!
Oltre a questi ci sono gli Anime Cafè, dove si ritrovano tipo centro ricreativo per condividere passioni e scambiarsi idee, sempre sul tema anime.
Rientro e la sera bevo qualche birra con Daisuke, preparo la borsa e le ultime cose per il giorno della partenza.
Il mio aereo decollerà da Narita alle 9 e 20 di sera, per cui spendo le ultime ore a Ginza.
Questo, come accennato qualche post fa, è il distretto finanziario e la zona dei ricchi Giapponesi.
Anche qui il panorama è completamente differente rispetto a tutti gli altri posti: grattacieli alti, tutti in giacca e cravatta che corrono impazziti ed una via di boutique di alta moda piena zeppa di tursti a comprare prodotti del mercato artigiano giappinese.
Il mio tour è abbastanza veloce ma qualche scatto interessante riesco a rubarlo.
È ora, salgo sul treno da Shinjuku per l’aereporto.
E son davvero triste.
Questo paese mi è entrato davvero dentro e ha cambiato incredibilmente la mia percezione del mondo.
È stato difficile ma le soddisfazioni che mi porto dentro sono infinite.
Ed ora, nel prossimo post, qualche conclusione.

Back in the late evening from the trip out of town, as usual I stop to Shinjuku for dinner , go home and quickly fall asleep in my futon.
Basically I am almost at the end of my stay in Japan and the last two neighborhood that I miss to see (among those planned) are precisely Ikebukuro and Ginza.
In the morning I go to Yoyogi Park and Harajuku to buy the last gifts (in the evening I had to pack the bag so today was definitely the perfect day) and head northwest to go to another neighborhood quite rude.
Ikebukuro has become famous for the Sunshine City, one of the largest shopping malls in the country.
The area is characterized by being a little bit on the outskirts than the other and the atmosphere is definitely different.
Small streets, neon lights, children and the elderly around the streets, and a tranquility different from all the other places I’ve seen.
I headed to the mall, a huge 7-storey building. Inside also a museum of anime, a planetarium and an aquarium.
These places always make you understand how crazy are the Japanese!!
The choice of this area was then also because it is the female equivalent of Akihabara. This is the area of nerdy girls who love manga and anime. And even here there are 100000 stores dedicated to the female porn, and to Cosplay (those who dress like the manga).
Obviously I go to some shops because I am too curious to understand this stuff and I find that pretty much female porn is composed primarily of photographs of boys with feminine features in sensual poses and fully dressed (I bought a book and it’s really absurd)!!
Apart from these there are the Anime Cafe,is such as entertainment center for exchanging ideas and share their own passions, always on the theme of anime.
I Return in the evening and i drink a few beers with Daisuke, i get the bag ready and the last things before leaving.
My plane takes off from Narita at 9:20 pm, so I spend the last hours in Ginza.
This, as mentioned a few posts ago, is the Financial District and the area of the rich Japanese.
Even here the landscape is completely different from all the other places: high skyscrapers, people in suits who run amok and a street of high-fashion boutiques packed of tourists to buy products on the market artisan Japanese.
My visit is quite fast but I can steal a few interesting shots.
Unfortunately it’s time to leave,i get on the train from Shinjuku to Aereporto.
And I’m really sad.
This country really changed incredibly my perception of the world and i’ll bring it with me in my heart .
It was hard but the satisfactions that I carry inside are endless .
I’ll leave in the next post some conclusions.

20140324-175841.jpg

20140324-175855.jpg

20140324-175908.jpg

20140324-180007.jpg

20140324-180019.jpg

20140324-180030.jpg

20140324-180055.jpg

20140324-180127.jpg

20140324-180135.jpg

20140324-180147.jpg

20140324-180202.jpg

20140324-180216.jpg

20140324-180230.jpg

20140324-180259.jpg

20140324-180317.jpg

20140324-180337.jpg

20140324-180353.jpg

20140324-180407.jpg

20140324-180421.jpg

There are no comments