I

In questo momento sto scrivendo dal South Australia, esattamente da Maslin Beach. Ovviamente un paradiso.
Ci siamo lasciati ad Augusta, esattamente a Cape Leeuwinton.
I due giorni seguenti sono stati incredibili: son stato immerso nelle foreste bicentenarie del WA.
Una delle cose che mi ha colpito di più sono stati gli incredibili cambiamenti del paesaggio lungo tutta la tratta che ho fatto. Fondamentalmente ogni 50km tutto intorno cambia e sembra di essere costantemente in un posto talmente diverso dal precedente che è come se si viaggiasse in continenti differenti!
Il tempo non è meraviglioso per cui la prendo con relativa calma. Prima tappa di oggi è Pemberton dove devo prendere le mappe per fare il giro nello sterrato della foresta e vedere l’albero bicentenario chiamato Dave Evans.
Passo dalle verdeggianti colline di Augusta ad un paesaggio più pianeggiante ma che inizia ad introdurmi nelle foreste.
Parentesi : ringrazio Jonny Cash, Led Zeppelin, Doors, Rolling Stone ecc per la compagnia che mi hanno tenuto in questi 5 giorni nel nulla.
Pemberton è una piccola città dispersa nel nulla, con non più di dieci case in croce ed una segheria infinita.
Prendo tutto l’occorrente e mi infilo dentro il Warren National Park.
Dopo 2 ore di arrivo al famoso albero. Ora nota fastidiosa del tour bucolico sono i tafani. Questi bastardi esseri oltre ad essere giganti non ti mollano nemmeno un secondo: il tempo di scendere dalla macchina e li hai addosso !!! Oltre a pungerti con un becco gigante non se ne vanno nemmeno con le cannonate. Ho mangiato il panino in macchina….
Comunque, a parte quei bastardi, tutto è spettacolare.
Sul Dave Evans hanno piantato tutta una serie di ferri che ti aiutano a scalarlo: 30 o 68 metri.
Parlo con una signora inglese che aspetta il marito che sta affrontando il percorso, incazzandosi quasi con me perché la cosa non è safety… Ora già avevo l’ansia di salire, con questa che è stata peggio dei tafani ho iniziato ad immaginare tutte le tipologie di morte che mi sarebbero potute accadere: dalla banale caduta a qualcosa di decisamente più impegnativo tipo strangolamento da nastro porta macchina fotografica o con qualche chiodo piantato chissà dove. Grazie mille.
Con tutta questa carica muovo i primi passi sui ferri… Cazzo mi sto cagando sotto !!!!
A tipo 5 metri mi blocco e decido di scendere. Nel frattempo la signora mi urlava di tornare se non ero sicuro. Trattengo a forza gli insulti.
Scende il marito, li saluto (lo sguardo di comprensione fra uomini la dice lunga) e salgo in macchina.
Ovviamente son incazzato nero e penso fra me che son un cagasotto.
Aspetto che loro se ne vadano, faccio il giro nel parcheggio e riprovo.
Me la faccio addosso ancora ma l’orgoglio regna sovrano e salgo fino ai 30 metri!!!! Guardo su, la punta con la casetta si muove per il vento di almeno mezzo metro e a sto punto mollo il colpo. Almeno il primo pezzo ce l’ho!!!
Felice come un bambino mi rimetto in pista verso Wapole. Ah dimenticavo: non ho le foto ma le caricherò al rientro, tappa obbligatoria a Windy Harbour, Point d’Entrecasteaux e Salomon Beach. Qui ci sono delle cliff allucinanti ed è uno dei punti più a sud del WA. La spiaggia è un paradiso di sabbia bianca fra le rocce (su wikipedia c’è credo anche la storia della spedizione condotta dal comandante da cui a preso il nome). Trovo posto in un piccolo ma confortevole ostello dove mi trovo a giocare ad 1 con un’altra ragazza italiana, un australiano in viaggio da solo ed una coppia di francesi.
Alla fine scopro che il lui francese è un fotografo e ci perdiamo fino a notte fondissima a parlare di fotografia, a scambiarci idee ed a vedere i nostri lavori…
Mattina ovviamente sveglia com calma, oggi mi faccio un pezzo piccolino ma con alcune cose da vedere troppo fighe: la Tree Top Walk (una camminata su dei ponti sospesi sulle cime degli alberi), l’Ancient Empire e 3 spiagge meravigliose: Mandalay Beach, Conspicuous Cliff e le Greens Pool poco prima di Albany.
L’ultima è davvero un paradiso ma l’acqua è una delle piu fredde in cui mi sia immerso nella vita. Dopo5 minuti non sento piu le gambe e son costretto ad uscire dall’acqua, praticamente viola “principio di assideramento”.
Arrivo ad Albany un po tardino, mi sistemo con gli altri backpackers (oggi in camera con un tedesco anche lui qui con working holiday a lavorare in una factory), mangio il peggior cinese della storia e mi infilo a letto.
Dopo giorni nel nulla e piccole cittadine, anche solo vedere 10 macchine in fila mi infastidisce parecchio.
L’ostello è molto tranquillo, in tutto il WA sicuramente quello piu piacevole è stato a Walpole.
Mattina rientro a Perth. Ascolto Eroine dei Velvet Underground e quasi mi viene da piangere mentre percorro i 450 km che mi dividono dalla città.
Saluto un bel gruppone di ganguri, suono un po lungo la strada per rilassarmi e in diverse ore son alla base.
Son contento di rivedere Ale e Cri per l’ultimo saluto prima dell’aereo che mi porterà ad Adelaide, South Australia.
Mi faccio un bagno.

Right now I’m writing from South Australia, exactly Maslin Beach. Obviously a paradise.
Last time i wrote from Augusta, exactly in Cape Leeuwinton.
The next two days were incredible: I’ve been surrounded by the bicentennial forest of the WA.
One of the things that impressed me the most was the incredible diversity of the landscape along the route. Basically every 50km all around changes and seems to be constantly in a place that is so different from the previous one as if you were traveling on different continents!
The weather is not wonderful that I take my time. First stop today is Pemberton where I have to get the maps to across the forest on a dirty road and see the tree called Dave Evans Bicentennial.
Step by lush green hills of Augusta to a landscape more flat but that is starting to imbed in the forests.
Parenthesis: I thank Johnny Cash, Led Zeppelin, The Doors, Rolling Stone, etc. for the company that have kept me in those five days in the middle of nowhere.
Pemberton is a small town lost in the forest, with no more than ten houses and an endless sawmill.
I’ll get everything i need and I soak in the Warren National Park.
After 2 hours driving i get at the famous tree. Now, annoying note of the bucolic tour are the horseflies. These bastards as well as being giants do not give up even a second: time to get off the car and attack you! In addition to stinging you with a giant sting do not go away even with the guns. I ate the sandwich in the car ….
However, apart from those bastards, everything is spectacular.
On Dave Evans Tree have planted a whole series of iron rungs to help you climb: 30 or 68 meters.
I speak with an English lady who is waiting for her husband who is facing the climb.She is almost angry with me because is not safe … I was anxious to get on the tree, now with the woman who was worse of the horseflies I started to imagine all types of deaths that could have happened to me: event of a banal falls to something much more challenging as strangulation with rope camera or some of the iron rungs stuck somewhere in my body. Thank you very much!
Despite this I decided to take the first steps on the ladder … I’m shitting myself!!
At 5 meters, I stop and decide to go down. Meanwhile the lady was screaming at me to go back if I wasn’t sure. I hold back the insults!
when the husband come back on the ground, i say goodbye to them (the look of understanding between men says a lot) and get in the car.
Of course I am pissed off and I think myself as a coward.
So i wait them to go away, I ride in the parking lot and try again. I am scared but the my pride wins : i climb up to 30 meters!! I look up, and i see the little shed on the tip shaking at least of half meter for the wind. At this point I give up. At least i have done the first level!
Happy as a child I get back on track towards Wapole. Oh I forgot: I don’t have pictures but will upload them when I get back. Obligatory stop at Windy Harbour, Point d’Entrecasteaux and Salomon Beach. Here there are hallucinating cliffs and is one of the most southern point of WA. The beach is a paradise of white sand between the rocks (on wikipedia I think there is also the story of the expedition led by Commander from which to take the name). I find a bed in a small but comfortable hostel where I am playing cards with another Italian girl, an Australian traveling alone and a French couple.
In the end I found out that the French guy is a photographer and we get lost into the night to talk about photography, to exchange ideas and to see our work …
In the morning i decide to wake-up with calm , today I am gonna drive for short time but with some intresting spots to see : the Tree Top Walk ( a walk on suspension bridges in the treetops ) , the Ancient Empire and 3 wonderful beaches: Mandalay Beach , Conspicuous Cliff and Greens Pool just before Albany.
The last is really a paradise, but the water is one of the most cold in which I have ever swam in life.After 5 minutes no longer i feel my legs and I am forced to leave the water , almost purple “principle of frostbite .”
I Arrive in Albany with a bit of delay , I settle with the other backpackers (in the room with a German guy on a working holiday to work in a farm ) , I eat the worst Chinese ever and i go to bed.
After days in the middle of nowhere and only small towns , even the sight of 10 cars only annoys me a lot! The hostel is very quiet,all around the WA certainly the more pleasant stay it was in Walpole .
In the Morning i start my way back to Perth. Listening Heroines of the Velvet Underground and I almost want to cry as I drive the 450 km that divide me from the city.
I wave to a big group of kangaroos, i play the cajon a bit along the way to relax and after several hours i am back at the base.
I am glad to see Ale and Cri for the last farewell before to fly to Adelaide, South Australia.
I take a bath.

20140302-205050.jpg

20140302-205102.jpg

20140302-204834.jpg

20140302-204945.jpg

20140302-204930.jpg

20140302-205032.jpg

20140302-204735.jpg

20140302-204719.jpg

20140302-204809.jpg

20140302-204654.jpg

20140302-204634.jpg

20140302-205012.jpg

20140303-010333.jpg

20140303-010423.jpg

20140303-010408.jpg

There are 2 comments

  1. Cristina

    Ciao! Il bagno è stato piacevole? 😉 Come sempre le tue foto sono molto belle, ma… non ci sono mai persone., nenache nelle foto “urbae”. Un giorno mi spiegherai perché. Una curioeità: perché mettono il veleno per le volpi (se ho capito bene il cartello…)? Ciao Teo! Un abbraccio e buon proseguimento!
    Baci. Cristina


Post a new comment